Pubblicato il Lascia un commento

Differenza fra Chianti e Chianti Classico

differenza fra chianti e chianti classico

Se vogliamo parlare di vino rosso italiano certamente non possiamo non parlare del Chianti. Nasce dal Sangiovese, che certamente è da considerarsi l’uva più importante prodotta in Italia e non solo in Toscana, ma è necessario fare una distinzione particolare quando parliamo di questo genere di vino. Infatti è facile cadere in un equivoco fra due diversi generi di vino ed è allora importante fare una distinzione e capire che differenza c’è fra un vino Chianti e un Chianti Classico.

Parliamo di due DOCG ben distinte, partendo dal disciplinare per finire alla zona di produzione, ci sono moltissime differenze. Vediamo nel dettaglio quello di cui parliamo!

La differenza fra Chianti e Chianti Classico partendo dalla zona di produzione.

Per capire la differenza che c’è fra Chianti e Chianti Classico dobbiamo tornare indietro nel tempo di circa un secolo. Nella prima metà del Novecento, la richiesta di questo vino era particolarmente abbondante. I confini dell’area di produzione, fissati da Cosimo III De Medici nel 1716, non riuscivano più a rispondere alla domanda. Si iniziò allora a produrre Chianti attingendo a uve che si trovavano al di fuori del territorio prestabilito, andando così a non rispettare più l’editto. Questo fece nascere un Consorzio che aveva il fine di tutelare il Chianti Classico da possibili imitazioni. Nel 1932 la zona originaria venne riconosciuta e nacque la dicitura “Classico”.

Ovviamente la differenza fra Chianti e Chianti Classico non può essere tutta qua, c’è molto di più e riguarda il regolamento per i produttori. Un discorso legato alla quantità di uva di Sangiovese contenuta in ogni bottiglia. Nel Chianti Classico è richiesta una quantità minima di Sangiovese pari all’80% dell’uva, per l’altro è pari al 70%. Ovviamente questa non vieta che un vino, a prescindere dal tipo di Chianti che sia, possa essere in purezza.

Come riconoscere allora, in modo agevole un Chianti Classico? C’è un metodo molto semplice, ovvero la presenza su una bottiglia di Chianti Classico di un logo con al centro un gallo nero!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.