Pubblicato il Lascia un commento

Cos’è l’amaro e come viene prodotto?

cos'è l'amaro

Nel nostro blog torniamo a parlare dopo diverso tempo del classico drink da fine pasto italiano. Rispondiamo a chi si è mai chiesto, in pratica cos’è l’amaro? Diamo subito la risposta più immediata e sintetica: l’amaro è un liquore che nasce dall’infusione in soluzione alcolica di un mix di erbe. Possiede prevalentemente un sapore amaro e ha una gradazione minima di 15°.

Già in tempi molto antichi si usava far macerare piante, radici oppure spezie nel vino, questo al fine di ottenere delle bevande digestive e curative dell’apparato digerente. Unite alle conoscenze di botanica dei monaci europei, ecco la nascita degli amari in Italia. Le erbe officinali venivano coltivate nei monasteri al fine di produrre liquori che aiutassero a digerire e a curare disturbi vari. Tutto questo vive una storia secolare, che ha visto gli amari uscire dai monasteri per divenire vere e proprie medicine da farmacia, quindi prodotti artigianali e industriali di cui l’Italia è di gran lunga il maggiore produttore.

Ma come si fa un amaro?

amaro

Dopo aver capito cos’è l’amaro, scopriamo insieme come viene creato!

Abbiamo capito come dietro un gustoso amaro ci sia lo studio secolare di un monaco, la bella intuizione di un farmacista, il duro lavoro e la sperimentazione di un’azienda. Quello che inevitabilmente non è ancora possibile avere chiaro in mente è come viene effettivamente prodotto un amaro?

Innanzitutto è necessario sapere che quello di cui si ha maggiormente bisogno è rappresentato dalla grande varietà della flora italiana. Ingredienti di primissima qualità si uniscono in un mix estremamente bilanciato. Queste botaniche, come vengono soprannominate, compongono l’infuso che si unisce a freddo a una soluzione alcolica di 96° per un lasso di tempo piuttosto lungo, anche un mese e mezzo. Alla fine di questo periodo, ecco che l’amaro filtra e, laddove si intenda abbassarne il grado alcolico, si unisce a una soluzione di acqua distillata.

Quindi c’è un’ultima fase, anche questa può dipendere da quelli che sono i gusti di ognuno. L’amaro passa in bottiglia oppure in botti di legno che ne possano affinare gli aromi.

Vuoi saperne di più? Tipo chi è stato uno dei primi medici a utilizzarli per curare le persone? Trovi la risposta da questo nostro vecchio post Instagram!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.